In questo sito non vengono utilizzati cookies per raccogliere informazioni personali in modo diretto ma alcuni elementi di terze parti potrebbero anche utilizzarli.
Cliccando su "approvo", navigando il sito o scorrendo questa pagina confermi di accettare i cookies
(che ricordiamo possono essere sempre disabilitati dalle impostazioni del tuo browser).
Leggi come vengono utilizzati i cookies su questo sito - Approvo

Censis, rapporto media e comunicazione: guadagnare investendo sul mobile

Investire sul mobile per cavalcare l’innovazione ed ottenere guadagni: sono queste le conclusioni che si possono trarre dall’ultimo rapporto pubblicato dal Censis sulla situazione dell’Italia per il 2015.

Nella sezione dedicata ai media e alla comunicazione, infatti, l’istituto fotografa una situazione in continua evoluzione, dove i media tradizionali – come la TV – sperimentano sempre di più la pressione delle nuove tecnologie, specie quelle legate alle connessioni via web.

Internet, infatti, offre una gamma di possibilità praticamente infinita, e questo già lo sapevamo. Quello che sta cambiando, invece è l’utilizzo del web per la fruizione di contenuti tradizionalmente legati ai media tradizionali.

E’ il caso dei programmi TV e dei film che si guardano sempre di più via internet, attraverso smartphone e tablet, dell’ascolto radio, che subisce la stessa sorte, grazie anche alle app dedicate, e di libri e giornali, fruiti ormai quasi esclusivamente in digitale, a danno della carta stampata.

Internet, poi, è arrivato ad un vero e proprio record, con una copertura di oltre il 70% della popolazione italiana, che sempre più sceglie di connettersi da mobile, utilizzando ancora una volta smartphone e tablet. Questi ultimi in particolare rispetto all’anno precedente, raddoppiano la loro diffusione, con un utilizzo da parte di più di un italiano su quattro.

Senza parlare dei social network: è iscritto a Facebook un italiano su due (percentuale che sale quasi all’80% se si tratta di under 30), mentre YouTube raggiunge il 42% di utenti (il 72,5% tra i giovani) mentre Twitter si attesta sul 10%.

E se fino a poco tempo fa, i “social” venivano concepiti solo per svago, sta cambiando il modo in cui questi vengono percepiti e utilizzati: un numero crescente di italiani li considera infatti quasi alla stregua dei motori di ricerca (primo su tutti Google) per reperire informazioni su aziende e servizi!

E poi, naturalmente, tutto il settore delle vendite online, con l’ecommerce che raggiunge un italiano su quattro, con una percentuale di oltre il 40% degli utenti del web, che neanche a dirlo è continuamente in crescita.

***

Se per i consumatori si aprono quindi interessanti possibilità, legate alla maggiore facilità di reperire informazioni , acquistare online, consultare servizi in minor tempo e con minor spesa, altrettanti scenari si aprono per le aziende, a patto, naturalmente, di saper cogliere le opportunità al volo e indirizzare correttamente gli investimenti.

Farsi conoscere sul web attraverso un proprio sito web ottimizzato per smartphone e tablet (meglio ancora se responsive), realizzare un’app dedicata al mondo Apple e Android, informare attraverso newsletter e mailing list, lanciare una campagna promozionale su Google Adwords o su Facebook, aprire il proprio e-commerce, faranno la differenza nella competizione tra aziende, a parità di beni e servizi offerti.

Un treno da non perdere, quello dell’innovazione mobile, un’opportunità da cavalcare per tutte le aziende per non trovarsi, tra qualche anno, a rimpiangere di non averci investito abbastanza.

mobile-app_res.jpg